Giornale Metal

lunedì 16 giugno 2014

RICKY PORTERA - Fottili

Videoradio
Ritorno in grande stile questo di Ricky Portera, uno dei più grandi chitarristi italiani e punto di riferimento per intere generazioni di axeman che hanno visto e vedono in lui un maestro di stile, perseveranza, dedizione. Se poi vogliamo semplificare il concetto, possiamo usare un solo termine. Quel termine che aveva fatto di lui il prescelto di un certo Lucio Dalla e che nella musica, quella seria, suona tanto bene e si chiama professionalità. Poi il contenuto di questo Fottili parla da solo e ci dà dimostrazione di un talento artistico che va oltre il semplice virtuosismo sullo strumento e coinvolge quegli aspetti che fanno di lui un’artista a tutto tondo. Questo perché non si tratta del solito disco, magari interamente strumentale, che ti aspetti da un chitarrista… In realtà abbiamo a che fare con un lotto di ben tredici canzoni scritte, sia musica e sia testi, arrangiate, cantate e suonate dal nostro, che si diletta anche a suonare basso e tastiere. Canzoni che piaceranno tanto anche ai lettori di Giornale Metal, viste le tinte hard di molti dei brani ivi contenuti. Apre il mid tempo di Santi E Religiosi, che subito dispensa grinta a piene mani ed è graziata dal primo dei tanti magnifici assoli presenti in tutto il lavoro. Ecco, questo concetto và marcato come va marcata la capacità di Ricky di inserire al momento giusto piccoli ma preziosi capolavori di tecnica e stile. Primo ospite di lusso nel secondo brano, Giovanni Pezzoli degli Stadio alla batteria, e subito a seguire la magistrale title track, aperta con un riff da brividi, accompagnata dalla voce del Pino Scotto nazionale qui più arrabbiato che mai e con la chitarra che fa macelli a destra e manca. Poi la suggestiva Sicilia con Luca Madonia dei Denovo, l’atmosferica Solo Giusto Un po’ col sax soprano di Andrea Innesto “Cucchia”, la bellissima La Tua Vita che riunisce la coppia Portera - Curreri (…e anche Gaetano è sempre un grande!!!), Che Male Fai dedicata a Massimo Riva e accompagnata dal basso di Claudio “Gallo” Golinelli. Da manuale della chitarra elettrica, poi, lo strumentale ad ampio respiro Piazza Maggiore, bello zeppo di altisonanti tonalità maggiori… Davvero un bellissimo disco ed un altro colpo andato a segno per Beppe Aleo di Videoradio che ne cura la pubblicazione.    

Salvatore Mazzarella