ANSA

Giornale Metal

Cerca nel blog

lunedì 30 giugno 2014

ETERNAL SILENCE - Intervista alla Band


Risponde Marika (voce): 

Siete appena usciti sul mercato discografico con un nuovo album in studio, potete presentarlo ai nostri lettori?

Ciao, siamo gli Eternal Silence da Varese, il nostro album Raw Poetry è uscito a gennaio per Underground Symphony ed è composto da dieci songs più un'intro e una bonus track. Siamo molto orgogliosi dei responsi della critica e del pubblico.

Come è nata la vostra band e quali sono le vostre origini?

La band è nata da un'idea di me e Alberto, il chitarrista. Abbiamo iniziato come cover band nel 2008 eseguendo brani dei nostri gruppi preferiti, ma fin dal primo momento ci siamo accorti che la nostra volontà era quella di scrivere materiale proprio. Così abbiamo iniziato a lavorare sui brani che potete ascoltare su Raw Poetry. Calcola che ci sono voluti diversi anni per trovare il nostro sound e la giusta armonia tra i componenti. Come è ovvio ci sono state anche delle defezioni ma come puoi immaginare è qualcosa di inevitabile in una band. Arriviamo tutti dalla provincia di Varese tranne il nostro batterista che risiede a Monza. 

Come è nato invece il nome della band?

Il nome della band deriva dalla nostra forte passione per le atmosfere gotiche e oscure. Volevamo dare una netta connotazione al nostro sound a partire dal nome stesso della band. Inoltre è facile da ricordare e ha un qualcosa di poetico. A dire il vero mi piace molto la dicotomia tra il nome Silenzio Eterno e il fatto che questo appartenga a qualcuno che fa musica ;)

Ci sono delle tematiche particolari che trattate nei vostri testi o vi ispirate alla quotidianità in genere? Che peso hanno di conseguenza i testi nella vostra musica?

Solitamente i nostri brani nascono prima solo come strumentali per poi vedere aggiunte le liriche. I nostri testi parlano di quotidianità, di avvenimenti che ci riguardano da vicino come l'incertezza del futuro, la morte ma anche le nostre speranze. A volte ci rifacciamo anche a libri e racconti per trovare ispirazione.

Quali sono gli elementi della vostra musica che possono incuriosire un vostro potenziale ascoltatore e quali sono quindi le qualità principali del vostro nuovo album?

Credo che la varietà sia l'elemento che più possa colpire un ascoltatore, cerchiamo infatti di non risultare monotoni o ripetitivi, cambiamo le tematiche, gli arrangiamenti e i ritmi di ogni brano cercando in qualche modo di sorprendere chi ascolta la nostra musica. Se posso credo che, oltre a questo, sia l'averci messo il cuore e la passione che renda Raw Poetry speciale.

Come nasce un vostro pezzo?

Questa è una domanda relativamente semplice, solitamente Alberto (chitarrista e voce maschile) che ama comporre infiniti pezzi, ci propone le sue idee, a volte i brani sono già completi, altre sono bozzetti su cui si può lavorare; solitamente poi si ascoltano tutti insieme, si modificano in base alle geniali idee dei singoli componenti e si passa alla stesura del tesso, che spesso è di mia competenza, ma anche qui a volte  riesco a scriverlo da sola, di getto, mentre altre seguo le sensazioni che la musica suscita in tutti noi, o suggerimenti dati dai ragazzi della band. Insomma siamo una squadra :)

Quale è il brano di questo nuovo disco al quale vi sentite particolarmente legati sia da un punto di vista tecnico che emozionale?

Qui posso risponderti a titolo personale dato che credo ognuno abbia un brano al quale è maggiormente legato. Personalmente sono legata a Braving my destiny che è dedicata alle mie sorelle minori. Tecnicamente quella che mi piace più cantare on stage è Beneath this storm. 

Quali band hanno influenzato maggiormente il vostro sound?

Sicuramente le band Symphonic a voce femminile hanno dato il via a questa passione, ma siamo cinque componenti con gusti diversi e le influenze derivano dalle singole passioni di ogni componente: dalla musica classica, dal metal nordico, dall'hard rock, dalle rock delle origini, dal folk, dalla musica celtica... siamo piuttosto variopinti e ci piace spaziare il più possibile.

Quali sono le vostre mosse future? Potete anticiparci qualcosa? Come pensate di promuovere il vostro ultimo album, ci sarà un tour con delle date live?  

Attualmente ci stiamo muovendo tra lombardia e Piemonte per cercare di promuovere l'album partecipando anche a concorsi con varie band che propongono vari generi musicali per farci conoscere e vedere che tipo di riscontro abbiamo dal pubblico. Per ora non possiamo parlare di un vero e proprio tour, ma ci stiamo muovendo per poter portare la nostra musica anche all'estero, ma tutto è ancora in lavorazione e non posso ancora dar certezze. Sicuramente continueremo a suonare live cercando di spingerci più lontano sul territorio italiano, a mio parere la miglior promozione è quella che si fa live sul palco a contatto con le persone, è lì che hai i veri riscontri.

E’ in programma l’uscita di un album dal vivo o magari di un DVD?

Onestamente no, per ora non sono nei nostri progetti, ci piacerebbe di più, almeno per ora, realizzare un video professionale oltre al Lyrics Video di “December Demise” già disponibile su YouTube. Per ora vogliamo concentrarci sulle date, sulla promozione dell'album e sui nuovi brani che abbiamo in cantiere sperand in un prosimo album.

Come giudicate la scena musicale italiana e quali problematiche riscontrate come band?

Credo che la scena musicale italiana sia, ma possa esserlo maggiormente, variopinta.. tante sono le nuove band che cercano di farsi strada, di farsi conoscere proprio come noi. Tanti sono i generi proposti e mi rende felice vedere che anche la musica metal sta riprendendo un po' forma sul nostro territorio. Per quanto riguarda le problematiche credo siano sempre le stesse e uguali un po' per tutti: difficoltà nel reperire date, alcuni esercenti non sempre corretti o coerenti con gli accordi stabiliti e purtroppo spesso mancanza di pubblico dovuto a una mancanza di voglia di sentir musica dal vivo.

Internet vi ha danneggiato o vi ha dato una mano come band?

A parer mio internet è una lama a doppio taglio per tutti, ma fino ad ora posso affermare che sia stato un grande supporto tecnico per la diffusione della nostra musica, basti pensare alla portata dei social network come Facebook e Twitter che ci hanno permesso di conoscere, anche se solo virtualmente, persone di tutte il mondo che apprezzano e sostengono il nostro lavoro e questo per me è a dir poco bellissimo

Il genere che suonate quanto valorizza il vostro talento di musicisti?

Symphonic Metal è solo un'etichetta per classificare un genere musicale, la nostra musica viene da dentro e quindi per forza ci valorizza a pieno o non la suoneremmo con tutta questa passione e nemmeno la mostreremmo ad un eventuale pubblico, non avrebbe senso proporre qualcosa giusto per farlo, almeno non per noi.

C’è un musicista con il quale vorreste collaborare un giorno?

Questa domanda è davvero difficile, ora stai parlando con me e avrei almeno una ventina di nomi da proporti, sicuramente dovresti moltiplicare per cinque e ancora non sarebbero tutti. Credo che solo l'idea di collaborare con uno dei “Grandi” possa escludere le preferenze, sai vedere dal vivo come lavorano o anche solo come si muovono sul palco personaggi nati come noi dal nulla e ora famosi sarebbe un'esperienza che apporterebbe una notevole crescita al nostro bagaglio.

Siamo arrivati alla conclusione. Vi va di lasciare un messaggio ai nostri lettori?

Prima di tutto grazie per il tempo e lo spazio concessoci. Vorremmo invitare tutti i lettori a visitare la nostra pagina Facebook ufficiale e a rimanere in contatto con noi per tutte le novità legate alla band.  Un saluto Marika.

Maurizio Mazzarella