ANSA

Giornale Metal

Cerca nel blog

domenica 30 marzo 2014

Bastian, la biografia

Sebastiano Conti, chitarrista siculo del profondo sud. Si avvicina alla musica rock all’età di tredici anni dopo aver ascoltato (forse come quasi ogni musicista) i mitici “The Beatles”. Inizia così a prendere qualche lezione di chitarra e da li a poco, comincia a strimpellare e canticchiare qualcosa di quella fantastica band inglese! Ma un bel giorno, “la folgorazione”!!!!! Come ogni mattina, recandosi a scuola, s’imbatte per caso in qualcosa che gli cambierà musicalmente la vita. Esposta nella vetrina di un negozio di dischi della sua città, c’era l’album live della band londinese Iron Maiden “ A real live one”. Fu amore a prima vista. Sebastiano ne rimase folgorato, affascinato ed incuriosito. Voleva far uscire dalla sua chitarra quei fantastici suoni che tanto lo avevano colpito. A questo punto gli serviva un’elettrica. Acquista usata una Ibanez RX nera ed un aplificatore a transistor Peavy Bandit 112 e  s’immerge completamente nello studio dello strumento, cercando di emulare i suoi idoli del metal. Inizià così a scoprire band storiche del rock come i Black Sabbath, Led Zeppelin, Ozzy Osbourne, Rainbow, Deep Purple e tante altre che si avvicinano ai suoi gusti musicali. Forma la sua prima band, i “Dedalo”, proponendosi nei vari locali e piazzette della zona con brani degli Scorpions, Guns ‘n’Roses, Iron Maiden ecc. Continua a crescere musicalmente avvicinandosi all’ascolto dei virtuosi della chitarra elettrica come Yngwie Malmsteen, Jake e Lee, Zakk Wylde e Steve Morse, cercando di studiare le loro tecniche e metodi didattici. Rivisita la sua strumentazione equipaggiandosi con una Gibson Les Paul ed una Fender Stratocaster “freak” (customizzata da un tecnico secondo i suoi gusti) ed amplificando il tutto con una testata Marshall Jcm 800 ZW. Arrivano i primi lavori in sala di registrazione che servono come rodaggio per maturare esperienza in studio che serve a tracciare la strada nel 2014 al suo primo vero lavoro discografico, l’album BASTIAN intitolato “Among my Giants” (tra i miei giganti). L’album vanta infatti la presenza di ospiti illustri come: Michael Vescera e Mark Boals, entrambi ex vocalist di Malmsteen. Alla batteria troviamo il mitico Vinny Appice, ex batterista dei Black Sabbath e Ronnie James Dio. Thomas Lang (Paul Gilbert, Glenn Hughes). John Macaluso (Malmsteen, TNT, Riot, Jennifer Batten, James LaBrie). Un progetto ambizioso ed un sogno nel cassetto che Sebastiano teneva già da parecchi anni.